Posizionamento Motori di Ricerca

Il tuo sito in prima pagina.

Posizionamento Motori di Ricerca: Fase 4

Posizionamento Motori di Ricerca: siamo arrivati alla quarta fase per incrementare il posizionamento del tuo sito nei motori di ricerca.

Nella fase precedente, la terza fase per il posizionamento nei motori di ricerca, abbiamo visto l’importanza della scelta della piattaforma giusta su cui sviluppare il proprio sito. Ora, dopo aver installato la piattaforma andiamo a vedere quali elementi della struttra del nostro sito sono importanti per il posizionamento nei motori di ricerca e quali sono assolutamente da sistemare subito, prima di cominciare ad inserire contenuti nel sito.

Link Interni: Navigabilità e Posizionamento

Navigabilità e posizionamento nei motori di ricerca sono due cose direttamente proporzionali. La navigabilità è la facilità con cui un utente qualsiasi che arriva sul tuo sito riesce a trovare quello che cerca e a spostarsi nelle sezioni corrette.

Uno dei modi per migliorare la navigabilità è quello di inserire dei link, all’interno dei contenuti di un articolo, che puntano ad altri articoli o contenuti all’interno dello stesso sito. Almeno secondo Google e altri motori di ricerca, questo dovrebbe aiutare la navigabilità.

In effetti, un esempio che hai potuto vedere con i tuoi occhi è all’inizio di questo articolo, dove è presente il link alla lezione precedente, la fase 3 del posizionamento. Questo è un ottimo modo, per chi arriva da Google direttamente su questo articolo, di riuscire facilmente a vedere le fasi precedenti che servono per posizionare il proprio sito all’interno dei motori di ricerca.

Come puoi notare, io ho inserito anche la parola chiave “posizionamento nei motori di ricerca” nel link. In questo modo sia questo articolo, che quello a cui si rifersice il link incrementeranno il loro posizionamento e quello del sito.

Se hai una piattaforma WordPress o Joomla è possibile che questi link vengano creati in modo automatico. Semplicemente ci sono dei plugin per queste piattaforme che ti permettono di mostrare alla fine di ogni articolo o contenuto i contenuti correlati (ralated posts) che vengono scelti dal plugin a seconda degli argomenti trattati.

Un esempio in questo sito è sulle pagine dei nostri servizi che vediamo. In ogni servizio, in fondo, puoi trovare i servizi simili che potrebbero interessare all’utente e che sono linkati ai servizi tramite il titolo. Questo metodo è molto adatto e consigliato per chiunque possieda un blog (articoli consigliati) o un e-commerce (prodotti consigliati).

URL, Permalink

Più importante per quanto riguarda il posizionamento nei motori di ricerca è la struttura dell’URL. L’URL, se non lo sai, è l’indirizzo internet di ciascuna pagina del tuo sito e deve essere fatto in un certo modo.

Se lavori su una piattaforma WordPress vai sulle impostazioni e poi su “permalink”. Scegli “personalizzato” e inserisci questa dicitura: /%postname%/

In questo modo stai dicendo alla piattaforma che ogni URL di un contenuto o pagina sarà strutturato in questo modo: nomedominio.com/titoloarticolo/

Questo è molto importante perchè come abbiamo detto nell’articolo “Come scrivere un articolo che piaccia ai motori di ricerca“, nel titolo inserirai anche la parola chiave principale dell’articolo. Quindi avrai la parola chiave che compare anche nell’URL. Questo fa incrementare ulteriormente il posizionamento della pagina all’interno dei motori di ricerca.

Se hai un sito in html, ovviamente di basterà rinominare la pagina con le parole chiavi. Se utilizzi Joomla, anche li ci sono degli accorgimenti e plugin, basta cercare “URL SEO friendly” tra le estensioni.

Per i forum PhpBB anche li ci sono dei lavori da fare, un pò più complicati.

Se vuoi sapere come fare per migliorare la struttura del tuo sito nello specifico puoi sfruttare il nostro servizio della consulenza di posizionamento base.

Categorie e Sezioni

Ecco un altro step importantissimo. Nella seconda fase per il posizionamento nei motori di ricerca abbiamo parlato dell’importanza della scelta delle parole chiave secondarie e ti avevo consigliato di sceglierne almeno 10. Ora è venuto il momento di utilizzarle.

Le paroe chiave secondarie migliori che hai trovato le dovrai utilizzare per creare delle sezioni (nel caso di Joomla) o delle categorie (nel caso di WordPress o PhpBB) all’interno delle quali dovrai creare diversi contenuti ottimizzati per quelle parole chiave specifiche.

Ad esempio se una delle parole chiave secondarie è lezioni chitarra, creerai una categoria con l’esatto nome della parola chiave e tutti gli articoli all’interno di essa dovranno avere la parola chiave nel titolo e nel testo.

Google e i motori di ricerca in generale amano i siti dove tutto è in ordine e dove tutto è coerente. E dove la coerenza è massima, il sito viene premiato. Questo passaggio non è solo importante ma è fondamentale e solo questo passaggio da solo può incrementare drasticamente il posizionamento di un sito nei motori di ricerca.

Qui stiamo parlando di tecniche di posizionamento avanzato. Sfrutta al meglio queste indicazioni.

Cosa Possiamo Fare Noi per Te

Se hai troppa confusione in testa puoi affidarti all’esperienza dei nostri consulenti specialisti che per il modesto prezzo di 47 euro ti indicheranno esattamente i passaggi che dovrai fare per migliorare la struttura del tuo sito. Il tuo sito in modo specifico!

Ecco il link: Consulenza di Posizionamento Base

 

Precedente: Posizionamento Motori di Ricerca: Fase 3

Successivo: Posizionamento Motori di Ricerca: Fase 5


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>